Creare un sito web da soli: meglio evitare o no?

0
107

Il sogno di tante persone che si affacciano per la prima volta al mondo del web e desiderano togliersi tante soddisfazioni con la propria azienda è quella, ovviamente, di realizzare un sito web che possa davvero fare da traino per tutta l’attività. Non sempre, però, realizzarlo da solo porta i frutti sperati.

Non è una passeggiata come tanti, magari, sono portati a pensare. Realizzare un portale web in completa autonomia è certamente possibile, ma un minimo di competenze e conoscenze bisogna averle, altrimenti il rischio che si corre è quello di perdere solamente tanto tempo per niente.

Creare un sito web: l’importanza di avere le giuste competenze

Per creare un sito web da soli, una delle migliori soluzioni è quella di affidarsi a WordPress, senza la necessità, quindi, di dover investire in programmatori e webmaster.

Non c’è nulla di poi così complicato, ma c’è un aspetto che è bene evidenziare: anche in questo caso, le specializzazioni e le competenze fanno la differenza.

Creare un sito web o un blog gratis possono farlo tutti al giorno d’oggi, ma quanti sono in grado di realizzare siti web a Reggio Emila in modo professionale?

Senza competenze specifiche le percentuali di successo si abbassano in modo drastico ed ecco che affidarsi a chi lo fa di professione, spesso e volentieri, è la soluzione migliore. Ottimizzare il risultato finale è un percorso ricco di ostacoli.

Insomma, se creare un sito web è così facile, non lo è di certo fare in modo che tale portale sia, al tempo stesso, efficace e in grado di convertire.

I vari passi da compiere

La prima cosa da fare è quella di completare l’acquisto di un dominio, scegliendo un nome efficace.

Attenzione a tale decisione: dovrà essere univoco, in grado di rappresentare la vostra azienda e riconoscibile da parte degli utenti sul web.

Nella gran parte dei casi, i siti web che si possono creare gratuitamente mettono a disposizione il dominio di terzo livello, ad esempio composto da “miodominio.wordpress.com”.

Il passo da compiere in seguito è quello di comprare un hosting WordPress. Si tratta di uno spazio web che permette di memorizzare i file presenti all’interno del sito web e che consentono di lavorare online.

Una decisione che non si deve prendere assolutamente con le molle: attenzione, questo è un aspetto su cui non si dovrebbe mai andare al risparmio, optando sempre per un servizio che sia in grado di garantire un ottimo supporto.

Upload del CMS sul server

Poi è arrivato il momento di prendere il CMS dal sito web ufficiale ed effettuare il caricamento sull’hosting.

Una fase molto importante, visto che è necessario realizzare un database, trasferire i file del pacchetto WordPress su una directory che fa parte del server usando l’FTP.

Insomma, se non avete delle competenze base in questo campo, risulterà difficile svolgere questa operazione che, in sé e per sé, non si può di certo definire estremamente difficile.

Per rendere più rapido tutto questo lavoro, si può decidere di comprare un hosting con WordPress già installato: in questo caso, serve solo seguire i link inviati dall’assistenza.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGuida fogli di stile CSS: introduzione
Prossimo articoloProgrammi consigliati
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here