Mac Pro 2019: tutto quello che devi sapere

0
29
mac pro 2019

Sono passati più di cinque anni da quando il Mac Pro ha mostrato il suo volto. Da allora, la reputazione di Apple come l'opzione migliore per i professionisti creativi è stata scossa. Ma in giugno, alla WWDC 2019, Apple ha rivelato un piano per riconquistare quel pubblico: il Mac Pro 2019.

Web Hosting

Ora abbiamo tutti i dettagli sul nuovissimo hardware di fascia alta, che ha un design modulare unico e alcune potenti specifiche interne - e sarà in vendita il 10 dicembre.

Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Mac Pro 2019: prezzo e data di uscita

Il nuovo Mac Pro partirà da 5.999 dollari, il che lo rende il prodotto Apple più costoso che esista. Ci saranno numerose configurazioni possibili, naturalmente, tutte personalizzabili e accessibili all'interno di questo nuovo design modulare.

Nel 2018, Apple ha avuto una lunga intervista con TechCrunch che si è concentrata sul Mac Pro. Uno degli scopi di questa intervista era quello di confermare che il prodotto non sarebbe stato rilasciato nel 2018. Questo era in parte per schiacciare le voci che il Pro sarebbe apparso nel 2018, ma sembrava anche una conferma diretta che la nuova versione sarebbe arrivata nel 2019. Con un'anteprima atipica, Apple lo ha definito un "prodotto 2019". Ora sappiamo che per essere vero.

Fino a quando Marques Brownlee rivela la data di lancio del nuovo Mac Pro su Twitter, l'informazione più precisa che avevamo sulla data era l'autunno 2019. Il Mac Pro non è stato menzionato all'evento di lancio di iPhone 11 settembre dell'azienda (o di qualsiasi Mac, per l'appunto).

Il nuovo computer è stato annunciato per la prima volta nel giugno 2019 insieme a un nuovo monitor esterno 6K chiamato Pro Display XDR, che parte da 4.999 dollari e un controverso Pro Stand che costa 999 dollari.

Mac Pro 2019: il ritorno della "grattugia"

Nella sua prima generazione, il Mac Pro era un computer a blocchi che assomigliava ai tradizionali tower PC. Apple ha ridisegnato radicalmente il Pro nel 2013, dove è diventato un semplice cilindro con due pannelli truciolo e una ventola centrale per un raffreddamento silenzioso.

Invece di mantenere il design del cilindro, Apple è tornata al tavolo da disegno per il Mac Pro di terza generazione. Da un punto di vista puramente estetico, in realtà assomiglia di più all'originale Mac Pro di qualsiasi altra cosa nel suo recente portafoglio di computer.

L'edizione 2019 del Mac Pro è costruita con due obiettivi primari in mente: prestazioni e modularità. Il design offset a reticolo circolare a due strati funge da dissipatore di calore di superficie estremamente alto per l'uso con il trio di ventole che muovono orizzontalmente il flusso d'aria attraverso la torre.

Questo permette al Mac Pro di gestire calcoli enormi senza fare un buco nella vostra scrivania, e con quello che Apple ha assicurato ai consumatori non è più rumore di un iMac Pro. E 'difficile non vedere una grattugia per formaggi da lontano, ma almeno il design ha qualche funzione integrata.

Anche l'ingegneria fisica del Mac Pro pone molta enfasi sulla modularità. Una comoda maniglia semicircolare inserita nella parte superiore dello chassis può essere sollevata e ruotata per sbloccare il guscio esterno, che può poi essere tirato su e giù per esporre gli slot di espansione PCI.

Dietro questo pannello esterno, il design rettangolare del Mac Pro significa anche che le GPU e altro hardware aggiuntivo possono essere facilmente inseriti su uno dei suoi lati larghi. Una volta rimosso il coperchio utilizzando un semplice meccanismo di blocco a rotazione, si ha accesso completo a 360 gradi a tutte le parti interne del computer.

Ma mentre il Mac Pro è stato progettato da Apple in California, gran parte della sua produzione è stata recentemente trasferita in Cina. Il Mac Pro era in precedenza l'unico prodotto Apple importante che è stato prodotto negli Stati Uniti, ma quest'ultima mossa finisce qui.

Apple ha dichiarato che molti componenti Mac Pro sono ancora prodotti negli Stati Uniti, e che "ha speso 60 miliardi di dollari con oltre 9.000 fornitori in tutti gli Stati Uniti" nel 2018.

Un sistema "modulare" con particolare attenzione alle prestazioni

Oltre alla sistemazione spaziale per i componenti hardware aggiunti, l'architettura hardware del dispositivo stesso consente di aggiungere al dispositivo un'ampia gamma di schede grafiche e unità di memoria senza soluzione di continuità.

Il Mac Pro è dotato di quattro slot PCI a doppia larghezza, tre slot PCI a larghezza singola e uno slot PCI a mezza larghezza, consentendo alla macchina di integrare qualsiasi fattore di forma che una GPU o unità RAM supplementare potrebbe richiedere. Offre inoltre agli utenti opzioni per periferiche esterne, con due porte USB-A e due porte Thunderbolt 3.

La potenza pura è ciò che è il Mac Pro e dove la nuova entrata nella linea Mac Pro mira ad eccellere. Il modello base è abbastanza impressionante con un processore Intel Xeon a 8 core, una scheda grafica Radeon 580X, 32GB di RAM e un SSD da 256GB.

Tuttavia, il Mac Pro è in grado di scalare drammaticamente da lì, con slot sufficienti per contenere 1,5 terabyte di RAM e opzioni di configurazione per sostituire la Radeon 580X con quattro enormi GPU Radeon Pro Vega II che lavorano in due coppie.

Queste GPU, che insieme offrono 56 teraflop di calcolo, sono tutte collegate insieme all'Infinity Fabric Link proprietario di Apple, che presumibilmente permette trasferimenti di dati che superano le capacità degli attuali bus PCI standard.

L'ultimo pezzo del puzzle di prestazioni del Mac Pro è la scheda di accelerazione Afterburner di Apple. Questo componente hardware consente al dispositivo di riprodurre simultaneamente tre flussi video 8K o 12 flussi con risoluzione 4K. Questo è piuttosto folle.

Nel 2017, Apple ha detto che il Mac Pro sarebbe stato un sistema modulare. Questo è stato nuovamente confermato nel 2018 e preso in giro ancora una volta nel febbraio 2019 quando un YouTuber ha rilasciato un video in cui afferma di avere informazioni specifiche e approfondite da fonti interne di Apple sul Mac Pro. Il design "impilabile" di queste voci si è rivelato non del tutto vero.

Mac Pro 2019: realizzato per artisti e tecnici

Apple ha dichiarato fin dall'inizio che il nuovo Mac Pro sarebbe stato molto focalizzato su artisti e tecnici. Infatti, Apple ha assunto un gruppo di professionisti creativi in modo che potessero vedere come queste persone hanno effettivamente utilizzato sia l'hardware che il software dietro il Mac Pro.

Anche se andare dai migliori artisti e designer era possibile, Apple ha trovato molto difficile guardare effettivamente quei professionisti in azione, perché spesso stavano lavorando a grandi film o a campagne di marca che richiedevano una certa segretezza. Così, Apple ha deciso di assumerli per i propri progetti in modo che l'azienda potesse osservare da vicino come interagivano con il Mac Pro.

"Ci siamo concentrati sugli effetti visivi, sul montaggio video, sull'animazione 3D e sulla produzione musicale", ha dichiarato John Ternus, VP di Hardware Engineering, a TechCrunch.

Molti aggiustamenti sono stati apportati di conseguenza, anche se Apple nota che questi non sono necessariamente legati alle prestazioni o addirittura tutti focalizzati sul Mac Pro.

Piuttosto, si tratta di modifiche per rendere le cose più facili per gli utenti, comprese le modifiche al software per accelerare alcuni processi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here